Quanto è grave il problema del burnout nelle forze dell’ordine? Che cosa viene fatto per aiutare?

Il burnout accade, come succede con qualsiasi lavoro. Nelle forze dell’ordine, ti stanchi di rispondere sempre agli stessi tipi di chiamate. Questi sono i più comuni in cui lavoro:

  1. Il papà di mio figlio …
  2. Mio figlio non mi obbedirà, vieni a fare qualcosa con lui / lei …
  3. Qualcuno sta bussando alla mia porta e non so chi sia …
  4. Sento colpi di arma da fuoco nella zona e ho bisogno che passi, ma non venire a casa mia e bussare alla mia porta …
  5. Penso che stiano facendo cose illegali dall’altra parte della strada …
  6. Ho bisogno di un passaggio per …
  7. Il cane del mio vicino sta abbaiando …
  8. Le auto guidano su e giù per la mia strada suonando musica ad alto volume …
  9. Il mio controllo [benessere] era in ritardo …
  10. Così e così mi disse qualcosa di irriverente, e ho bisogno di un rapporto della polizia …

Il fatto è che quando le persone ci vedono arrivare, non stanno più facendo cose illegali o discutibili dall’altra parte della strada. Se non lo vediamo, non possiamo farci nulla. Mi piacerebbe andare in giro e dare una mano, ma è arrivata la prossima chiamata. Devo andare … “qualcuno sente un topo nella sua soffitta.”

Le chiamate di cui sopra che riceviamo su base regolare, sono una perdita di tempo degli agenti di polizia. Quando ci impiega molto tempo per arrivare a chiamate legittime, è perché dobbiamo rispondere a una tonnellata di chiamate da quella lista e siamo legati quando una vera chiamata esce. Non essere arrabbiato con la polizia per questo, sii arrabbiato con i tuoi concittadini che non sono in grado di gestire i loro semplici problemi domestici.

Cosa viene fatto per aiutare? Niente. Alcuni ufficiali trascorrono un’intera carriera di pattuglia, occupandosi di queste chiamate per oltre 30 anni. Se vuoi scappare da queste chiamate, devi trasferirti in un’unità specializzata all’interno del dipartimento di polizia. Diventa un CSI, un detective, un membro di SWAT, un ufficiale delle risorse scolastiche, ecc.