Cantanti, cantautori e produttori vengono ancora derubati nel 21 ° secolo nell’industria musicale?

“Strappato” presuppone che qualcuno stia approfittando ingiustamente degli sforzi di un musicista. Certo che succede. Gli artisti inesperti firmano sempre pessimi affari, che pagano male se non del tutto, non mantengono le promesse, ecc. La differenza principale tra oggi e 50 anni fa è che le grandi compagnie hanno molte meno probabilità di fregare i loro artisti. È come Las Vegas, è tutto troppo aziendale e visibile.

Alcune persone potrebbero pensare che il sistema sia truccato per ridurre indebitamente la quota di denaro di un artista rispetto all’azienda, ma sospetto che il rapporto tra la redditività di un’azienda e i suoi artisti si stia restringendo man mano che le vendite diminuiscono. E gli artisti mantengono la mano della frusta in tournée, e anche se la compagnia ha 360 diritti, perché l’artista ha il controllo. È ironico che ora stiamo vedendo gli artisti impegnarsi nella stessa contabilità creativa quando è il momento di pagare alla compagnia che sono 360 soldi.

Man mano che difensori di artisti come avvocati e manager diventano più intelligenti e più forti, sono meglio equipaggiati per proteggere i loro artisti.

Un essere umano che strappa un altro essere umano è vecchio quanto l’umanità stessa. Nell’industria musicale ciò accade esattamente come in qualsiasi altro settore. L’industria musicale si occupa di fare soldi attraverso la musica e i suoi artisti. Se un’azienda vuole investire in un artista per fare soldi, vuole pagare quanto basta per rendere felice l’artista, quindi può trarre profitto dal resto. Funziona così. Le accuse di “fregatura” sorgono quando gli artisti diventano grandi, pensano che sia tutto grazie a loro stessi perché sono così grandi, e i soldi che erano soliti rendere felici quegli artisti improvvisamente non lo fanno, facendo sentire gli artisti il ​​diritto a più . Questo è quando quei contratti del 30% sembrano una fregatura per loro, quando all’inizio stavano benissimo (quando nessuno scommetteva un centesimo su quegli artisti). La creazione di un artista a partire da talenti grezzi richiede tempo e denaro, e molte volte i soldi vengono persi, quindi è per questo che l’industria cerca di mungere un artista il più possibile quando in realtà lo rende grande. I Beatles per esempio sono stati munti inizialmente. Erano ovunque nel 1965, anche nei cartoni animati e nei contenitori per il pranzo, perché l’etichetta pensava che fossero una moda passeggera, che sarebbero passati. Per molti, i Beatles venivano derubati, ma quando si considerano i cervelli, il tempo e il denaro che Brian Epstein ha investito in loro, e poi ciò che George Martin ha investito in loro attraverso il Parlophone di EMI, all’inizio era effettivamente ragionevole. Questi due ragazzi hanno preso un duro talento crudo e lo hanno trasformato in The Beatles. Una volta che i Beatles erano più grandi che enormi, e avevano fatto guadagnare a tutti e alla loro etichetta tonnellate di denaro, aggiustarono i contratti e finirono per avere la loro etichetta (Apple). Quindi l’intera percezione di “fregare” è soggettiva. L’industria investe in molti artisti solo per vederne pochi limitarsi, quindi quando questi pochi lo rendono grande, l’industria deve compensarli per tutti i flop e i fallimenti in cui hanno investito. Credo che ogni artista che lo rende grande attraverso un’etichetta discografica merita di essere ricco, ma che l’etichetta discografica dovrebbe fare ciò che ha investito più volte. L’industria musicale non è un ente di beneficenza realizzato per soddisfare i sogni degli artisti. È un affare.

È bello leggere le risposte che vanno dopo quei nebulosi “dirigenti della musica” e le grandi parrucche del settore (non solo su questa domanda) … tuttavia, la verità è molto peggio e banale.

La maggior parte degli atti e degli attori sono derubati dalla loro stessa rappresentazione: il loro manager, avvocati, produttori. Non un ragazzo in giacca e cravatta il cui nome si nasconde dietro una Corporazione, ma il ragazzo che è stato lì per te sin dall’inizio.

È un po ‘come abbiamo tutte queste leggi e sistemi di sicurezza per proteggere i bambini dagli estranei, solo per scoprire che, statisticamente, i bambini sono danneggiati dalle persone che conoscono: amici, famiglia … ed è sempre stato così … le leggi, ecc. ci sono per farci stare bene …

Le persone sono sempre state derubate nell’industria musicale. Prima degli anni 2000 erano normalmente la base di fan e l’artista a essere derubati dai dirigenti della musica. Ciò ha spinto molti artisti ad avviare i propri studi di registrazione indipendenti, eliminando così i grandi dirigenti. Quel precedente modello dell’industria musicale è in gran parte crollato a favore del “freemium” e dei modelli a pagamento diretto. Questi nuovi modelli hanno complessivamente margini molto più piccoli rispetto al precedente. Ciò, in combinazione con l’esplosione degli artisti nel settore e il declino economico della classe media, ha spostato il denaro che viene realizzato nella musica nel suo complesso a un importo medio più piccolo per persona.

Quindi oggi, potresti affermare che il musicista medio sta ottenendo meno soldi per la sua musica, ma la realtà è con i progressi della tecnologia che i musicisti possono effettivamente fare di più con meno soldi. Alcuni artisti non trarranno mai il giusto vantaggio dalla tecnologia esistente per promuovere se stessi, sia per la mancanza di conoscenza del processo di mancanza di connessioni con le persone che sono consapevoli di come funziona la promozione dei social network. Altri potrebbero non trarre vantaggio dai progressi della tecnologia. Coloro che scelgono di non utilizzare i nuovi progressi della tecnologia si sentiranno sempre derubati, perché lo stesso ciclo spesso richiede più tempo e fatica. Alcuni artisti incolperanno inevitabilmente i nuovi modelli per mancanza di successo, ma questi modelli hanno permesso a popolazioni enormi di ascoltare musica di artisti che altrimenti non avrebbero avuto opportunità.

Questi nuovi modelli di distribuzione lasciano all’artista la stessa domanda … Come ottenere più soldi. Questa domanda viene affrontata più spesso fornendo talenti musicali in vari modi, come concerti, licenze speciali e vari tipi di integrazione del prodotto. In altre parole, è fornito da molti degli stessi tipi di cose che un “musicista impiegato in un’etichetta” sarebbe stato spronato a fare nei modelli precedenti in cui avevano più guida da parte delle società di gestione.

Quindi torniamo alla domanda originale. Penso che gli artisti che si appoggiano troppo sui modelli freemium senza altre fonti di entrate vengano facilmente bruciati. È ovviamente possibile che i dirigenti delle aziende del modello di business freemium stiano avvantaggiando più degli artisti, ma non nella misura in cui erano i dirigenti in precedenza. Gli artisti che non tengono il passo con le tendenze, gli standard e la tecnologia si bruciano.

Penso che i fan sfegatati che non pagano per la musica degli artisti vengano bruciati essendo bloccati in modelli freemium che si limitano a utilizzare la connettività (e quindi la durata della batteria). Ci sono sempre alcuni fan che copieranno musica da radio / internet / ecc. Questo segmento della popolazione trarrebbe grande beneficio da una soluzione di micropagamento (pensa bitcoin) da dare all’artista di sua scelta, perché anche se molte persone non darebbero un paio di dollari a una canzone, molte altre darebbero penny e quei penny possono davvero addizionare. Inoltre, eliminare la scusa che la musica costa troppo potrebbe spingere molte persone a pagare qualcosa, anche se in povertà.

Il suo nome è “Daniel Ek”, lavora con la truffa di Spotify. Ha rubato miliardi di dollari (voglio dire miliardi posso mostrarti i dettagli) da Taylor Swift, Lady Gaga, Michael C Lowerey di Cracker, Thom York di Radiohead, Me Xerxeese e innumerevoli altri che gli hanno permesso di USARE la loro musica, intendo Usato. Come in abuso utilizzato. Quando l’IRS scopre quanta frode fiscale il ragazzo sta cavando con il moot sta per colpire il fan. Ci sono già persone che cercano di riavere i nostri canoni con il “act equity dei cantautori” in America.

Se sei un musicista e dici di essere stato derubato. Poi la faccia di maiale viene fuori e le persone escono e dicono “il tuo ricco e famoso perché ti lamenti?” E la tua seduta lì dopo 26 anni di lavoro con l’occhio fuori, dicendo “Voglio solo comprare ramen oggi.” e disse che Taylor Swift era un bugiardo. Quello che ho marinato un pezzo di straccio di capra usato.

“Daniele Ek” a tutti! Più evasione fiscale e vite rovinate di Al Capone! Ho perso $ 111.000. Inferno, sì, oggi siamo stati derubati.

La libertà creativa non è uguale alla creatività libera.

Ma come altri hanno già detto, la storia è lunga e oscura nella musica, e quasi ogni altra forma d’arte creativa là fuori, esibendosi e in altro modo.

Sì, ci sono contratti e leggi di cui gli artisti devono essere più consapevoli. Ma molti, troppi lo fanno – nel modo più duro.

E ogni area dell’arte ha diversi punti di forza e protezione legali per i singoli artisti. Che, ovviamente, varia da giurisdizione a giurisdizione. Ad esempio, in America i fotografi hanno sempre avuto una protezione più forte degli illustratori quando si tratta di protezione.

Molte delle leggi cambiano nel tempo per riflettere i cambiamenti nei settori, ma quel tipo di cambiamento viene generalmente misurato in anni, più a lungo della maggior parte delle carriere artistiche nella maggior parte dei casi. Per il momento, non ci vuole molto a capire che la difesa di maggior successo è la pianificazione legale. Contratti, agenti, avvocati.

Questo è spettacolo!

Sì. Se non leggono il loro contratto. O se non ne firmano uno.